I caminetti a bioetanolo, ormai sempre più diffusi, sono un elemento di interior design basato su un'energia rinnovabile capace di riscaldare gli ambienti e di arredare in maniera originale.

Benché la visione della fiamma sia la stessa, ci sono importanti differenze rispetto a un camino tradizionale. Infatti l'impiego del bioetanolo non comporta la necessità di una canna fumaria e non c'è produzione di ceneri, non occorrono quindi opere murali e questo permette di concepire il caminetto a bioetanolo come una struttura mobile che può essere spostata da un ambiente all'altro. 

Il camino ecologico alimentato a bioetanolo è una valida alternativa a quello tradizionale.

I nostri caminetti di design sono dei veri e propri complementi d'arredo che, emanando fuoco vivo, sono in grado di riscaldare l'atmosfera nel pieno rispetto dell'ambiente

Infatti, lo sfruttamento dei combustibili fossili è il motivo dei gravi problemi ambientali come l'enorme immissione dei gas-serra nell'atmosfera e l'aumento della temperatura globale del pianeta. Per questa regione, i vantaggi che derivano dall'utilizzo di un camino a bioetanolo sono molteplici; il bioetanolo è un alcol etilico di origine naturale ottenuto tramite la fermentazione di biomasse di sottoprodotti (scarti di barbabietola da zucchero, mais, patate, cereali ecc.) ed è quindi una fonte di energia rinnovabile, generata da risorse che non si esauriscono nel tempo. 

Il bioetanolo non contiene zolfo e di conseguenza le emissioni di monossido di carbonio e di anidride carbonica sono estremamente basse, evitando così danni sia all'ambiente sia alla salute delle persone presenti in casa. Non rilascia dunque sostanze tossiche nell'aria e non produce fuliggine, per questo non necessita di canna fumaria e non rilascia alcun odore nell'ambiente. 

Infine, il funzionamento del camino a bioetanolo è molto semplice: il fuoco viene acceso da un accendi fiamma che preleva il combustibile da un serbatoio contenente una pietra porosa che attinge al combustibile. Quest'ultimo, grazie alla natura porosa della pietra, viene da essa assorbito per poi essere rilasciato nell'ambiente sotto forma di vapori i quali, mescolandosi nell'aria, vengono poi bruciati completamente. La pietra separa tra loro la fiamma e il combustibile impedendone il contatto diretto, garantendo così una notevole sicurezza del sistema. 

Normalmente 1 litro di bioetanolo sviluppa circa 4-7 kW/h dal momento della sua combustione, con un alto rendimento perché non c'è dispersione di calore attraverso la canna fumaria e tutto il calore prodotto rimane nella stanza. I caminetti a bioetanolo in media possono diffondere calore fino a un'area di circa 25-30 mq, con un incremento di circa 10° ogni ora.